I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Un blog su Genova


Le motivazioni ufficiali dei palazzi dei Rolli patrimonio dell’Umanità

Archiviato in: Il passato di Genova, Unesco — Inserito da Giovanni in data 21 luglio 2006 - 08:14 - Letto 50747 volte

Questa è la traduzione delle motivazioni dell’Unesco che ha stabilito i Palazzi dei Rolli Patrimonio dell’Umanità (riportate e tradotte dalla pagina dell’Unesco):

Genova: Le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli (Italia).

Le Strade Nuove e il sistema dei Palazzi dei Rolli, nel centro storico di Genova (tardo XVI e primo XVII secolo) rappresentano il primo esempio in Europa di un progetto urbano di sviluppo con una struttura unitaria, in cui i progetti sono stati spartiti al di fuori di un servizio pubblico e da un sistema particolare del pubblico del `che si alloggiano’, basata su legislazione. I palazzi di Rolli erano residenze costruite dalle famiglie aristocratiche più ricche e più potenti della Repubblica di Genova al vertice del potere finanziario e del potere legato alla marina. Si tratta di un insieme di palazzi del Rinascimento e del Barocco lungo le cosiddette “Strade Nuove”. I grandi palazzi residenziali eretti sulla Strada Nuova (ora via Garibaldi) verso la fine del sedicesimo secolo, formavano il quartiere della nobilità, che sotto la costituzione del 1528, aveva assunto il governo della Repubblica. I palazzi sono generalmente alti tre o quattro piani e sono caratterizzati da scaloni aperti, cortili, e loggiati che dominato dall’alto i giardini posizonali su differenti livelli in spazi relativamente stretti.

L’influenza di questo modello di disegno urbano è messo in evidenza dalla letteratura italiana ed europea della successive decadi.
I palazzi offrono una straordinaria varietà di soluzioni differenti, raggiungono un valore universale adattandosi alle particolari caratteristiche del luogo ed ai requisiti di un’organizzazione sociale ed economica specifica. Inoltre offrono un esempio originale di una rete di dimore atte ad ospitare le visite di Stato, come decretato dal senato in 1576. I proprietari di questi palazzi erano obbligati ad ospitare persone in visita di stato, in tal modo contribuirono a far conoscere un modello architettonico e una cultura residenziale che ha attratto gli artisti ed i viaggiatori famosi, un esempio su tutti è la collezione di illustrazioni da Pietro Paolo Rubens.

Ecco l’articolo originale in inglese:

Genoa: Le Strade Nuove and the system of the Palazzi dei Rolli (Italy). The Strade Nuove and the system of the Palazzi dei Rolli, in Genoa’s historic centre (late 16th and early 17th centuries) represent the first example in Europe of an urban development project with a unitary framework, where the plans were specially parcelled out by a public authority and a particular system of ‘public lodging’, based on legislation. The Rolli palaces were residences built by the wealthiest and most powerful aristocratic families of the Republic of Genoa at the height of its financial and seafaring power. The site includes an ensemble of Renaissance and Baroque palaces along the so-called “new streets” (Strade Nuove). The grand residence palaces erected on the Strada Nuova (now Via Garibaldi) in the late 16th century, formed the quarter of the nobility, who under the constitution of 1528, had assumed the government of the Republic. Palaces are generally three or four stories high and feature spectacular open staircases, courtyards, and loggias overlooking gardens, positioned at different levels in a relatively tight space. The influence of this urban design model is evidenced by Italian and European literature over the following decades. The palazzi offer an extraordinary variety of different solutions, achieving universal value in adapting to the particular characteristics of the site and to the requirements of a specific social and economic organization. They also offer an original example of a network of public hospitality houses for visits of state, as decreed by the Senate in 1576. The owners of these palazzi were obliged to host state visits, thus contributing to the dissemination of knowledge of an architectural model and a residential culture which attracted famous artists and travellers, and of which a significant example is a collection of drawings by Pieter Paul Rubens.

Nessun commento »

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento





Le schede dei palazzi dei Rolli sono tratte dall'Atlante dei Palazzi Genovesi di Ennio Poleggi.


Visita anche i Forti e le Mura di Genova