I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Piazza delle Vigne 4


Piazza delle Vigne 4

Piazza delle Vigne 4
( Guarda la cartina )
ZonaMercato di Soziglia
Rollo 1664Bussolo 2 Agabito Centurione

Fatto costruire e decorare per conto di Domenico Grillo nel 1545, sopra la loggia degli "alberghi" Grillo Negrone e Vivaldi, il palazzo è ampliato e dotato di un nuovo prospetto, ricco di marmi e affreschi, da Gio. Battista Castello in collaborazione con Bernardo Spazio nel 1560 (Caraceni 1970, p. 238).
La dimora è molto ammirata per i cicli pittorici che animano gli interni, "Sacrificio di Ifigenia" e "Storie di Psiche", e per gli ornamenti architettonici e figurativi, oggi quasi del tutto scomparsi, che il Bergamasco dipinse sul prospetto di Piazza delle Vigne, creando un effetto insieme monumentale e arioso grazie al gioco di pieni e vuoti offerto dai timpani, dai marcapiani e dal portale a colonne scanalate (Pesenti, in La pittura di Genova, 1987, p. 351).
Interessante e originale la distribuzione interna con cui, pur nelle dimensioni misurate della scala e del piccolo cavedio, attorno a cui tutto si articola, gli autori riescono a richiamare la grande stagione cinquecentesca con un percorso fatto di trasparenze e di suggestioni a cominciare dalla loggia affacciata sull'ampio e luminoso ingresso, fino alle colonne, balaustre e volte a crociera affrescate che guidano i livelli superiori.
Al piano nobile il ballatoio invita, col suo movimento espansivo, agli spazi di rappresentanza, segnalando e separando, con la doppia diramazione della scala, a rampe parallele e simmetriche, gli ambienti privati.