I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Accademia Ligustica di Belle Arti


Accademia Ligustica di Belle Arti

Accademia di Belle Arti
Didattica e Museo

Alcune Raccolte d?arte hanno nella loro stessa genesi la vocazione didattica: ? il caso dei musei collegati alle Accademie di Belle Arti; nascono nel XVIII secolo come supporto, come collezione di modelli esemplari per i giovani artisti, stimolo, tra teoria e prassi, allo studio e al lavoro nel pi? perfetto esempio di didattica illuminista. Dal XVIII secolo ad oggi molte collezioni delle Accademie d?arte si sono separate dal loro ?corpo? antico diventando veri e propri musei con vita autonoma rispetto alle scuole di istruzione artistica come il Museo di Brera a Milano e il Museo dell?Accademia di Venezia.

Quasi unica, l?Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova ha conservato, nel corso di due secoli e mezzo, senza separazioni, i suoi due diversi settori: Scuola e Museo.

Negli anni pi? vicini a noi questa particolare struttura ? stata opportunit? di ?azioni? molto diverse rispetto al passato. La collezione storica non ? pi? solo modello di ispirazione o occasione di ?copia? dai maestri antichi ma vero e proprio laboratorio di elaborazione e produzione di esperienze didattiche anche differenti tra loro. I settori di sperimentazione hanno toccato particolarmente l?educazione all?immagine, letture antiche e moderne delle opere d?arte condotte direttamente dagli allievi dell?Accademia Ligustica e destinate ai bambini delle scuole elementari. Si ? rivisitata la storia, la societ?, gli oggetti e le forme, l?anatomia umana e animale nonch? la sua possibile deformazione in senso ?moderno?, le tecniche artistiche e la libera creativit? suggerita dagli esempi ?classici?. Ma il nostro museo ? stato anche luogo privilegiato di esposizione di opere di giovani artisti che hanno ?coabitato? in piacevole e stimolante contrasto con gli oggetti del patrimonio storico; opere ?storiche? che, in ultima considerazione, vengono anche utilizzate dagli allievi per riproporne le ?forme? non gi? in pedissequa copia ma come geni ispiratori di gesti e segni universali, archetipi.