I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Un blog su Genova


Genova in blues

Archiviato in: Curiosità, Genova da amare — Inserito da Giovanni in data 10 giugno 2008 - 05:28 - Letto 4824 volte

Ringraziamo Marco Paolini per l’interpretazione dello splendido testo di Giorgio Caproni.

Litanìa di Giorgio Caproni

Genova mia città intera.
Geranio. Polveriera.
Genova di ferro e aria,
mia lavagna, arenaria.

Genova città pulita.
Brezza e luce in salita.
Genova verticale,
vertigine, aria scale.

Genova nera e bianca.
Cacumine. Distanza.
Genova dove non vivo,
mio nome, sostantivo.

Genova mio rimario.
Puerizia. Sillabario.
Genova mia tradita,
rimorso di tutta la vita.

Genova in comitiva.
Giubilo. Anima viva.
Genova in solitudine,
straducole, ebrietudine.

Genova di limone.
Di specchio. Di cannone.
Genova da intravedere,
mattoni, ghiaia, scogliere.

Genova grigia e celeste.
Ragazze. Bottiglie. Ceste.
Genova di tufo e sole,
rincorse, sassaiole.

Genova tutta tetto.
Macerie. Castelletto.
Genova d’aerei fatti,
Albaro, Borgoratti.

Genova che mi struggi.
Intestini. Caruggi.
Genova e così sia,
mare in un’osteria.

Genova illividita.
Inverno nelle dita.
Genova mercantile,
industriale, civile.

Genova d’uomini destri.
Ansaldo. San Giorgio. Sestri.
Genova in banchina,
transatlantico, trina.

Genova tutta cantiere.
Bisagno. Belvedere.
Genova di canarino,
persiana verde, zecchino.

Genova di torri bianche.
Di lucri. Di palanche.
Genova in salamoia,
acqua morta di noia.

Genova di mala voce.
Mia delizia. Mia croce.
Genova d’Oregina,
lamiera, vento, brina.

Genova nome barbaro.
Campana. Montale, Sbarbaro.
Genova dei casamenti
lunghi, miei tormenti.

Genova di sentina.
Di lavatoio. Latrina.
Genova di petroliera,
struggimento, scogliera.

Genova di tramontana.
Di tanfo. Sottana.
Genova d’acquamarina,
area, turchina.

Genova di luci ladre.
Figlioli. Padre. Madre.
Genova vecchia e ragazza,
pazzia, vaso, terrazza.

Genova di Soziglia.
Cunicolo. Pollame. Trilia.
Genova d’aglio e di rose,
di Pré, di Fontane Masrose.

Genova di Caricamento.
Di Voltri. Di sgomento.
Genova dell’Acquasola,
dolcissima, usignuola.

Genova tutta colore.
Bandiera. Rimorchiatore.
Genova viva e diletta,
salino, orto, spalletta.

Genova di Barile.
Cattolica. Acqua d’Aprile.
Genova comunista,
bocciofila, tempista.

Genova di Corso Oddone.
Mareggiata. Spintone.
Genova di piovasco,
follia, Paganini, Magnasco.

Genova che non mi lascia.
Mia fidanzata. Bagascia.
Genova ch’è tutto dire,
sospiro da non finire.

Genova quarta corda.
Sirena che non si scorda.
Genova d’ascensore,
paterna, stretta al cuore.

Genova mio pettorale.
Mio falsetto. Crinale.
Genova illuminata,
notturna, umida, alzata.

Genova di mio fratello.
Cattedrale. Bordello.
Genova di violino,
di topo, di casino.

Genova di mia sorella.
Sospiro. Maris Stella.
Genova portuale,
cinese, gutturale.

Genova di Sottoripa.
Emporio. Sesso. Stipa.
Genova di Porta Soprana,
d’angelo e di puttana.

Genova di coltello.
Di pesce. Di mantello.
Genova di lampione
a gas, costernazione.

Genova di Raibetta.
Di Gatta Mora. Infetta.
Genova della Strega,
strapiombo che i denti allega.

Genova che non si dice.
Di barche. Di vernice.
Genova balneare,
d’urti da non scordare.

Genova di “Paolo & Lele”.
Di scogli. Furibondo. Vele.
Genova di Villa Quartara,
dove l’amore s’impara.

Genova di caserma.
Di latteria. Di sperma.
Genova mia di Sturla,
che ancora nel sangue mi urla.

Genova d’argento e stagno.
Di zanzara. Di scagno.
Genova di magro fieno,
canile, Marassi, Staglieno.

Genova di grige mura.
Distretto. La paura.
Genova dell’entroterra,
sassi rossi, la guerra.

Genova di cose trite.
La morte. La nefrite.
Genova bianca e a vela,
speranza, tenda, tela.

Genova che si riscatta.
Tettoia. Azzurro. Latta.
Genova sempre umana,
presente, partigiana.

Genova della mia Rina.
Valtrebbia. Aria fina.
Genova paese di foglie
fresche, dove ho preso moglie.

Genova sempre nuova.
Vita che si ritrova.
Genova lunga e lontana,
patria della mia Silvana.

Genova palpitante.
Mio cuore. Mio brillante.
Genova mio domicilio,
dove m’è nato Attilio.

Genova dell’Acquaverde.
Mio padre che vi si perde.
Genova di singhiozzi,
mia madre, Via Bernardo Strozzi.

Genova di lamenti.
Enea. Bombardamenti.
Genova disperata,
invano da me implorata.

Genova della Spezia.
Infanzia che si screzia.
Genova di Livorno,
Partenza senza ritorno.

Genova di tutta la vita.
Mia litania infinita.
Genova di stocafisso
e di garofano, fisso
bersaglio dove inclina
la rondine: la rima.

1 commento »

  1. Genova stupisce genovesi e foresti: la città non smette mai di stupire sia i turisti, che rimangono affascinati da tanta bellezza chiusa tra vicoli stretti, sia i genovesi stessi, che stanno riscoprendo una città nascosta e affascinante; la città che tutti i giorni viviamo, con le sue strade che distrattamente percorriamo per andare in ufficio o a scuola, ha da offrirci moltissimo: si tratta solo di voler guardare con più attenzione.
    La storia della nostra città è scritta su pietre e muri, facciate dipinte e portali scolpiti, madonnette e lapidi, logge e sovrapporta… difficile decifrarne i segni senza una brava guida.

    Da circa quattro 4 anni Itinera propone percorsi narrativi in centro storico per genovesi e turisti curiosi: non si tratta dei classici percorsi turistici, ma di appuntamenti con la curiosità e la scoperta dell’ affascinante storia genovese. Le guide di Itinera raccontano ai partecipanti i particolari meno noti, le storie e gli aneddoti curiosi, le leggende e i misteri di cronaca del passato, le abitudini di vita quotidiana dei nostri antenati.

    Ecco alcuni commenti di chi ha partecipato ai percorsi narrativi di Itinera, in questi anni:

    “Itinera permette di scoprire ed apprezzare ciò che è insolito di Genova agli stessi genovesi, dove nulla è scontato”.

    “Trovo sia stupendo fare la turista nella propria città ed è questo che permette Itinera”.
    “…a volte si gira il mondo ma non si conoscono le bellezze sotto casa”.
    I percorsi narrativi sono percorsi tematici che vengono proposti tutto l’anno, tranne agosto e dicembre. Ogni tre mesi circa esce un programma stampato con le date e gli orari di ogni proposta.
    Per partecipare è necessario prenotare telefonando ai numeri 0106091603/3462231872. Il luogo del ritrovo e il metodo di pagamento vengono comunicati al momento della prenotazione.
    I percorsi sono garantiti con qualsiasi numero di persone iscritte e vengono svolti con qualunque condizione meteorologica.
    Sito Internet http://www.itineraliguria.it

    Comment di Percorsi narrativi genovesi — 11 giugno 2008 @ 11:06

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento





Le schede dei palazzi dei Rolli sono tratte dall'Atlante dei Palazzi Genovesi di Ennio Poleggi.


Visita anche i Forti e le Mura di Genova