I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Un blog su Genova


Dove tutto è possibile

Archiviato in: Genova da amare, Mugugno — Inserito da Giovanni in data 30 agosto 2007 - 06:59 - Letto 2839 volte

Mi aggancio a questa lettera scritta dal ministro Amato al Corriere della Sera evidenziando un passo:

Ma per ridurre la percezione di insicurezza, e quindi attenuare quello stato d’animo esasperato che porta a dire «qui tutti rubano e nessuno viene arrestato », c’è qualcosa di pregiudiziale che va fatto e che non riguarda direttamente la politica. Buona parte della percezione di scarsa sicurezza di quel 30% di cittadini che la dichiarano è dovuta, infatti, non tanto alla visibilità del criminale pericoloso, quanto al clima di disordine nel quale vivono le nostre città, alla illegalità diffusa, alla tolleranza che consente agli abusivi più diversi — e a quel punto anche ai borseggiatori più diversi — di trovare il contesto ideale per svolgere le loro attività a danno della gente per bene.


Questo è quello che vedo nel nostro centro storico, una percezione di insicurezza (da parte, secondo me, soprattutto dei genovesi non residenti in centro) dovuta più all’illegalità, anche piccola, diffusa a tutti i livelli e che copre tutti i livelli sociali, dal disperato che piscia per terra all’avvocato che parcheggia sul marciapiede.

A Marta Vicenzi che sembra così attiva nel far valere i diritti di chi rispetta la legge chiedo, proprio allo scopo di generare sicurezza, di attivarsi, per il centro storico, almeno in questi punti:

  • i cani non al guinzaglio (provi a fare lei un giro con un bambino piccolo!)
  • le deiezioni canine, figlie del punto precedente, cani che scorazzano e poi dove la fanno la fanno
  • parcheggi (di esempi in questo blog ce ne sono già, ma presto vorrei presentare una mappa del parcheggio selvaggio)
  • conferimento spazzatura
  • scritte sui muri

Ritengo che se si facesse qualcosa sul serio riguardo questi punti la sensazione di sicurezza aumenterebbe sensibilmente. Obiettivo indispensabile se si vuole considerare Genova una città turistica.

Nessun commento »

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento





Le schede dei palazzi dei Rolli sono tratte dall'Atlante dei Palazzi Genovesi di Ennio Poleggi.


Visita anche i Forti e le Mura di Genova