I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Un blog su Genova


Renzo Piano progetta Genova

Archiviato in: Genova e l'architettura, Mugugno, Progetti su Genova — Inserito da Giovanni in data 26 giugno 2007 - 20:36 - Letto 12205 volte

Renzo PianoIl giorno 25 giugno 2007 l’architetto Renzo Piano è stato ufficialmente presentato nella giunta del Comune di Genova guidata da Marta Vincenzi. Per Genova è davvero una grande occasione quella di avere la consulenza del grande architetto.
Stimo tantissimo Renzo Piano per quello che ha fatto per Genova e per i tanti progetti in giro per il mondo. Mi piace soprattutto la sua capacità di riuscire ad entrare in simbiosi con il contesto in cui opera dando vita non solo all’architettura ma alla vita dei luoghi che nascono.
Il porto antico di Genova ne è l’esempio eclatante, è un punto di ritrovo vissuto dai genovesi e dai turisti in maniera completa e duratura. A chi può sembrare semplice dare “vita” ad un luogo così vicino al mare consiglio di visitare l’adiacente area della Marina del Porto Antico il cui restauro, dal punto di vista sociale, è un vero fallimento (beh, senza panchine ne’ alberi forse il sociale lo si è proprio evitato!).

Durante la presentazione in giunta Renzo Piano ha citato alcune linee guida. Sono contento che abbia riproposto i 10.000 alberi (ma quando parlava del waterfront non erano 14.000… vabbe’!). Credo che Genova abbia bisogno di verde cittadino. Genova ha le spalle verdi, le bellissime ville con splendidi parchi ma le manca un verde più diretto, ai bordi delle strade ad attutire il traffico, nelle piazze a dare frescura.

Mi sento però di mugugnare un po’ su un’affermazione di Piano: sostituire la sopraelevata con una monorotaia. Premesso che la sopraelevata è senza dubbio da abbattere.
Perchè?
Perchè fare una monorotaia proprio dove c’è già la metropolitana?
Perchè voler continuare a dare un confine alla città antica verso il mare?
No, l’idea non mi piace proprio. Messa così non mi piace proprio.

Però vedrei benissimo una monorotaia che tagli il porto, che da Sampierdarena si elevi sul porto diventando davvero un punto di vista innovativo della città, del porto, del mare. Qualcosa di completamente diverso da quello che siamo abituati, Genova vista dal mare / sul mare.
E con una funzione specifica: collegare Sampierdarena (esclusa dal tragitto della metropolitana) con la foce / zona fiera (anch’essa esclusa dalla metropolitana), con una fermata in punta ai magazzini del cotone (altrimenti raggiungibili solo in auto!).

Spero che a Renzo Piano arrivi questa idea e rifletta sull’opportunità di un tracciato più a mare.

7 commenti »

  1. Ciao!
    Uhm… ok la sopraelevata è brutta… ma è davvero utile. Hai presente la quantità di macchine che passano per questa strada? Ci fosse un’alternativa valida si, sarei anche io per abbatterla.
    Per la monorotaia sul porto, potrebbe essere carina dal punto di vista turistico ma ho paura che ci mettano un 60 anni a realizzarla, visto soprattutto quanto ci mettiamo a fare il metrò… Inoltre non so quanta gente sia interessata a fare Sampierdarena - Foce con al massimo una fermata ai magazzini del cotone!

    CIAO!!!

    Comment di lubbra — 27 giugno 2007 @ 11:57

  2. Chiaro che si sta parlando di sostituzione nel momento in cui sarà operativo il tunnel. La mia idea è che la monorotaia si sovrapporrebbe in termini di utenza con la metropolitana. Ecco, chi deve andare in centro può usare la metropolitana, chi deve andare a Sampierdarena o alla Foce (anche se nel progetto Renzo Piano parlava addirittura di Sestri) userebbe la monorotaia.

    Comment di Giovanni — 28 giugno 2007 @ 12:53

  3. Intanto convinciamo il comune a portare la metro allo stadio e a san martino. Alla linea 2 costiera ed alla monorotaia ci penseremo poi…

    Per saperne di più: http://www.metrogenova.com

    Comment di Alex Bettucchi — 2 luglio 2007 @ 23:58

  4. Ciao… Anche io quando ho sentito della monorotaia ho pensato che avendo già la metro sarebbe una ripetizione. La soprelevata è una pugno nell’occhio ( davvero utile però )Non so se ti è mai capitato di vedere la nostra bella Genova dalla nava, andando o tornado dal porto.. bellissima, ma questa strada che taglia la visuale è davvero atroce… Renzo Piano è bravissimo, niente da dire. Il Porto Antico è riuscito davvero bene ( io fare un po’ più d’ombra.. infatti giustamente parlavi di alberi ) anche se quell’orribile Palla davanti all’Acquario con le piante dentro mi sta più antipatica tutte le volte che la vedo…Tornando alla soprelevada secondo me l’ideale sarebbe un tunnel sotteraneo, è un lavoraccio, però non si vede ed è utile per le macchine. Ne avevo sentito parlare, ne sai qualcosa tu? Dovrebbero sfruttare di più la Genova sotteranea, che alla fine è per la maggior parte vuota, fare più parcheggie, e non così cari come sono adesso, sottopassi, strade sotteranee, etc… e sarebbe anche utile fare una specie di pulmino navetta al porto, tipo quelli di Venezia, potrebbe fare il percorso dell’1, Porto antico, sampierdarena, sestri, pegli, pra, fino a voltri… magari anche solo d’estate, e fare delle fermate come quelle dell’autobus dentro il porto, accessibili a tutti… Bho vabbhè, sono idee così
    Saluti :-)

    Comment di Tanya — 13 luglio 2007 @ 10:14

  5. Tunnel sottomarini all’estero ce ne sono di ben più lunghi, a Genova si tratta di fare 900 metri di tunnel, se prendi le autostrade che partono da Genova fai sicuramente un tunnel più lungo, quindi non sono progetti impossibili.
    Sono d’accordissimo con te anche sugli altri punti, mi piacerebbe anche scrivere articoli monotematici di progetti attuabili a Genova con poco sforzo.
    Tanya, se hai voglia di aiutarmi, vuoi scrivere articoli, mugugnare, proporre, scrivimi a info@irolli.it.
    Ciao!

    Comment di Giovanni — 13 luglio 2007 @ 12:58

  6. se la metropolitana viene sviluppata bene raggiungendo diverse zone della città si può iniziare a pensare ad abbattere la sopraelevata

    Comment di roberto — 26 agosto 2007 @ 08:15

  7. l\’Argomento è certamente interessante, in quanto riguarda la viabilità genovese, l\’idea di intervenire sulla sopraelevata, magari sostituendola, mi sembra al momento non prioritaria, mi sentirei di evidenziare il grosso problema della Valbisagno, che invece continua ad essere il vero problema, da anni ne discutono con varie soluzioni, tutte inutili, per questa vallata che sappiamo tutti è soggetta a esondazione ed ha due sole strade, sponda destra e sinistra, io penserei ad una monorotaia che da Prato arrivi a Brignole passando sui due muri laterali del Bisagno ( che in ogni modo sono da rifare e ci sono anche i progetti) ad altezza di circa 4 metri in modo da passare sopra a tutti i ponti senza interrompere la circolazione viaria, chiaramente la monorotaia sarebbe raggiunta con scale mobili.
    In pochissimi minuti si arriverebbe da Prato a Brignole e viceversa, lasciando, le due strade, libere al traffico automobilistico.
    In oltre ci permetterebbe di realizzare un\’opera da cui si potrebbe godere un bel panorama della vallata e del Cimitero Monumentale diventando più visibile dall\’alto.
    E non dimentichiamo l\’enorme risparmio rispetto ai bus che inquinano e costano un\’occhio della testa per manutenzione e consumi di pneumatici, mentre la monorotaia elettrica sarebbe silenziosa e pulita, e forse ci farebbe risparmiare anche i manovratori, in quanto oggi le tecniche per gestire tutto elettronicamente ci sono.
    La metropolitana in Valbisagno, come suggeriscono alcuni, è una pazzia che ci costerebbe cara in caso di alluvione.
    Saluti Eugenio

    Comment di Eugenio — 29 dicembre 2009 @ 15:11

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento





Le schede dei palazzi dei Rolli sono tratte dall'Atlante dei Palazzi Genovesi di Ennio Poleggi.


Visita anche i Forti e le Mura di Genova