I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Un blog su Genova


Perchè la sopraelevata di Genova è da abbattere

Archiviato in: Genova e l'architettura — Inserito da Giovanni in data 19 gennaio 2007 - 10:12 - Letto 31838 volte

Il genovese non vede più la sopraelevata. Credo che sia un po’ come il rumore del frigo, ce l’abbiamo sempre in sottofondo al punto che lo sentiamo soltanto quando non c’è più.
Ho scoperto che non la vediamo un po’ alla volta, quando parlando con gente, anche di cultura elevata, sentivo dire che passarci sopra è una vista splendida sulla città. Tutto vero, senza dubbio, ma sotto e di fianco? Ma il porto antico e il centro storico? Per loro la sopraelevata è una bruttura difficilmente conciliabile, nonostante i progetti più incredibili presentati nel corso degli anni, nonostante, soprattutto, il fatto che non la vediamo più.

La sopraelevata io l’ho vista la prima volta grazie ad un turista. E’ riuscito a farmela vedere con una parola. Da quella volta la vedo, la sento e ne inorridisco.
Quel turista l’ha chiamata “tangenziale“.

La parola tangenziale è stato un colpo per me genovese amante di Genova. Una parola inconciliabile con la mia visione della città.
C’è voluto un po’ di tempo per accettare questa parola, per capire che la nostra cara sopraelevata non è altro che una tangenziale. Una tangenziale di traffico, di smog, di periferia urbana, di obbrobrio.

Spero che davanti a questa parola anche altri genovesi cambino idea: la tangenziale di Genova è da abbattere!

Spero che gli amministratori pubblici facciano un’opera di persuasione ancora prima del tunnel che verrà a sostituirla. Ne sostituiscano il nome poetico di sopraelevata con il suo nome tecnico: tangenziale!

11 commenti »

  1. [...] Ha ragione invece chi dice che oggi la sopraelevata è come il rumore del frigo, nessun genovese ci fa più caso. [...]

    Pingback di Quando Ci Facevamo la Sopraelevata « Zero10 — 12 maggio 2007 @ 22:05

  2. sono di roma sono architetto sto male per le brutture che mortificano le nostre città non avevo mai visto genova sono stata lì in visita in data 10.11.07 anche a me è venuta di chiamarla tangenziale sarà perchè a roma anche noi ne abbiamo un -bell’esamplare- l’ho trovata oscena e non riuscirò mai a farmi una ragione del perchè le amministrazioni hanno trattatato e trattano così il nostro territorio

    Comment di patrizia — 15 novembre 2007 @ 10:37

  3. Grazie Patrizia della testimonianza perchè i genovesi non si rendono conto dell’urgenza di trovarne un sostituto ed è un vero peccato.
    Mi spiace segnalarle che fior fiore di architetti ne cercano una giustificazione, al punto che anche Renzo Piano vorrebbe metterci una monorotaia al suo posto. Toglierla e basta no, sembra che ci sia sempre bisogno di un’idea geniale! E il vuoto non è un’idea!

    Comment di Giovanni — 17 novembre 2007 @ 12:01

  4. parlate di brutture come se fosse li tanto per dare fastidio, a qualche architetto brilleranno gli occhi pensando a quale parcella chiedere , ma e propio vero che le persone parlano e scrivono tanto per farlo,ed alcuni pensano solo ai propi interessi,la verita\’ e che a voi di genova non interessa nulla perche non vi abitate,LA SOPRAELEVATA PER GENOVA E L\’UNICA ANCORA DI SALVEZZA,SENZA DI ESSA IL TRAFFICO SAREBBE AL COLLASSO TUTTI I GIORNI,c\’e bisogno di persone che utilizzano il cervello mentre parlano o schiacciano i tasti sulla tastiera.

    Comment di maurizio — 21 marzo 2008 @ 13:48

  5. Le alternative ci sono, come le ho scritto nell’altro articolo provi a uscire da Genova…

    Comment di Giovanni — 21 marzo 2008 @ 19:56

  6. Sono un Architetto di Varese che lavora a Londra e amo follemente Genova. Quella tangenziale e\’ meravigliosa quando la percorri in auto, ma credo che tutta l`area sara` ancora piu` bella dopo che tale tangenziale sara` solo un ricordo. Tutta l`area sottostante acquistera` nuova luce e valore il giorno che quel grande stradone sara\’ abbattuto. Spero che il Comune di Genova continui ad investire in qualita` architettonica moderna. L`architettura e il Design attirano turismo e flussi di denaro, oltre a migliorare la qualita` della vita dei cittadini. Bilbao insegna. Prima non la conosceva nessuno ora e` diventata un simbolo della Spagna.
    In bocca al lupo alla \

    Comment di enrico — 22 settembre 2008 @ 17:32

  7. E’ oramai evidente che le due opinioni hanno motivazioni costanti. Chi la vuole abbattere (come me) la trova un orripilante megalite di cemento grigio che separa la città dal porto antico. CHi vorrebbe mantenerla enfatizza la panormaica che da essa si gode arrivando a Genova.
    Mi pare che la soluzione sia semplice. Mantenerla fino alla stazione marittima, che rappresenta il tratto di ingresso suggestivo alla città, ed abbatterla per il resto abbellendo in maniera straordinaria la parte storica della città.

    Comment di carlo — 26 dicembre 2008 @ 00:21

  8. Condividono in pieno!

    Comment di Giovanni — 26 dicembre 2008 @ 10:31

  9. Io invece butterei giu tutta l\\\’area del porto antico e ricostruirirei il porto in quella zona cosi, a voltri possiamo nuovamente riappropriarci della spiaggia e fare il bagno.

    Comment di gaetano — 5 aprile 2009 @ 10:04

  10. Dev’essere humor tipicamente voltrese, quindi incomprensibile.

    Comment di Giovanni — 5 aprile 2009 @ 18:20

  11. Com’è possibile difendere la sopraelevata? È forse lo scempio architettonico più grave d’Italia, che deturpa il centro storico e non la periferia della città, a mio parere, più bella del nostro paese. Genova non può essere così provinciale, non ci credo, non è reale che invece di pensare senza se e senza ma alle soluzioni possibili - non ci dovrebbe essere discussione, santo cielo - ci si nasconda dietro l’argomento sacro del traffico. Ma dai, ma che state dicendo? Fate sul serio? Se fosse giustificabile la sopraelevata ne avremmo una a Nizza, una a Marsiglia, magari una anche a Napoli e a Barcellona. Genova è il suo mare, e voi genovesi non lo volete vedere? E poi la storia della vista dalla strada…questo è davvero ridicolo. Facciamo un bel cavalcavia tra i fori e il Colosseo a Roma, così oltre a fare più in fretta magari vediamo anche le fontane di piazza Navona dall’alto, che bella idea. Poi è certo che tutti i genovesi quando guidano incazzati nel loro adorato traffico non fanno che ammirare paesaggi, e i turisti - scusateli se osano turbare la vostra pace - persi e nervosi cercando un’uscita per parcheggiare non fanno che declamare la meraviglia del panorama tra un incidente mancato e l’altro. Con il denaro che arriverebbe dal turismo, sapete, potreste pagarvi i mezzi pubblici gratis, altro che sopraelevata. Meno male che la Costa Azzurra è in Francia.

    Comment di stefano — 3 ottobre 2009 @ 13:31

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento





Le schede dei palazzi dei Rolli sono tratte dall'Atlante dei Palazzi Genovesi di Ennio Poleggi.


Visita anche i Forti e le Mura di Genova