I palazzi dei Rolli di Genova - Una reggia repubblicana

Un blog su Genova


I palazzi dei Rolli di Genova patrimonio dell’Umanità solo per pochi

Archiviato in: Eventi a Genova, Mugugno — Inserito da Giovanni in data 18 gennaio 2007 - 14:34 - Letto 27119 volte

Sabato 20 gennaio 2007 verrà a Genova il ministro Rutelli, l’occasione è la consegna ufficiale del Certificato di iscrizione nella Lista del Patrimonio Mondiale da parte dell’UNESCO. Un evento veramente importante per Genova che i genovesi, amministratori pubblici compresi, non hanno capito.
Una consacrazione di questa portata, seppure inseguita con costanza dall’amministrazione pubblica, non può partorire una cerimonia per pochi intimi, dalla visibilità nulla. E’ una pazzia mediatica.

Sembra addirittura che questa sia una costante genovese. Anche le mostre che vengono fatte, seppure bellissime ed estremamente interessanti sono mostre per pochi appassionati. E’ una scelta? Una scelta che paga?
Non credo che possa pagare. Per un motivo molto semplice e molto ambiguo: perchè a Genova c’è l’acquario.
L’acquario porta a Genova un turismo non elitario che non trova niente oltre all’Acquario stesso e ad un giro al Porto Antico. Per il turista classico dell’Acquario le mostre presentate, così come i palazzi dei rolli così come si presentano oggi, sono un qualcosa di troppo difficile, troppo distante. Tanto più se si pensa che spesso chi viene all’Acquario porta i figli, magari piccoli. C’è mai stata una mostra a Palazzo Ducale di cui un ragazzino si sarebbe potuto interessare, anche minimamente?

Così ci godremo questa manifestazione del 20 gennaio 2007 con una Lectio Magistralis, un po’ di abbiocco, visibilità nazionale tendente allo zero, internazionale manco a parlarne. E gongoleremo della nostra capacità di fare cultura ad alto livello.

Tra di noi.

Nessun commento »

Non c’è ancora nessun commento.

RSS feed dei commenti a questo articolo. TrackBack URI

Lascia un commento





Le schede dei palazzi dei Rolli sono tratte dall'Atlante dei Palazzi Genovesi di Ennio Poleggi.


Visita anche i Forti e le Mura di Genova